Logo Salvalai
Zona di Produzione:
La tecnica del "Ripasso", che veniva utilizzata storicamente con lo scopo di dare maggiore corpo al vino Valpolicella, si riassume come pratica di rifermentazione di vini sulla vinaccia fermentata di uve appassite per produrre Amarone del quale ne acquisisce parte del corpo e degli aromi.

Andamento climatico:
Le temperature invernali sono state abbastanza rigide.
La primavera mite ed equilibrata, ha consentito una buona ripresa vegetativa. L'allegagione e la fioritura sono avvenute regolarmente grazie a temperature calde e regolari. I mesi di luglio e agosto sono stati abbastanza caldi ma senza escursioni troppo forti, favorendo una maturazione graduale e uniforme, anche se le piante sono arrivate alla raccolta in leggero ritardo. La piovosità estiva, superiore alla media degli ultimi anni, ha permesso alle viti di superare senza fatica la stagione estiva. Il clima mite e regolare del mese di settembre ha permesso di svolgere una buona vendemmia.

Produzione:
Alla fine della prima fermentazione, il vino usato per produrre il Valpolicella Classico Superiore DOC viene posto a contatto con le vinacce, ancora ricche di zuccheri, e il succo delle uve appassite delle stesse varietà, già utilizzate per produrre l'Amarone; questo contatto avvia una seconda fermentazione, che dura dai 6 ai 12 giorni, che arricchisce il vino in aromi, profumo, grado alcoolico e corpo. Dopo la fermentazione maiolattica, il vino matura per circa 10-12 mesi in botti di rovere di Siavonia (80%) e tonneaux di rovere francese (20%), infine completa il suo affinamento in bottiglia per altri 6 mesi.

Descrizione organolettica:
Già da un primo esame olfattivo si percepiscono immediatamente i caratteristici sentori di frutta matura, confettura e ciliegia. Colpisce in maniera particolare l'incredibile persistenza, che prosegue al palato, quando si apre in tutta la sua potenza con un corpo caldo ed elegante.
S.C. Spa - Italia - P. IVA 00639080985 - Cookie Policy